Time to Impact: gli Aboutpharma Digital Awards 2015

La terza edizione degli Aboutpharma Digital Awards, la cui premiazione ha avuto luogo a Milano lo scorso 29 novembre, ha confermato l’accrescimento della notorietà e dell’importanza di questa competizione come dimostrato dal numero di aziende che vi hanno preso parte, o da tutte  le realtà  che hanno patrocinato la manifestazione, o ancora dalla qualità dei progetti presentati.

E il motto di questa edizione, Time to Impact, rispecchia l’auspicio che si avveri uno degli obiettivi perseguiti non solo da Aboutpharma ma da tutti coloro (incluso il presente blog) che hanno a cuore la crescita del settore farmaceutico e il miglioramento delle cure e dei servizi sanitari offerti ai pazienti e ai cittadini in genere: considerare l’innovazione digitale non come un semplice mezzo il cui utilizzo deve essere limitato alla semplificazione delle sole attività relative alla gestione aziendale o di business bensì come grande e reale occasione per la modernizzazione non solo dell’industria farmaceutica ma dell’intero paese.

Tali intenti sono ancora meglio illustrati dalle parole di Stefania Ambra, CEO di HPS:

Il richiamo al time to impact, e quindi alla capacità di incidere concretamente sulla vita degli stakeholders dell’universo della salute, pazienti in primis, ha messo in luce un aspetto interessante dell’innovazione digitale nel nostro comparto” si è passati infatti da una “digitalizzazione di processi e servizi che si sarebbero altrimenti svolti in maniera meccanica o analogica, oppure attraverso un apporto […] degli operatori. Quest’anno invece, […] abbiamo premiato diversi progetti che consistono in un  servizio o in una specifica funzione resa possibile proprio dalle performance peculiari degli strumenti digitali”.

 

I numeri della competizione di quest’anno non fanno che confermare questa consapevolezza: 70 partecipanti fra aziende, istituzioni e associazioni a cui sono corrisposti ben 153 progetti, in forte aumento rispetto ai 45 partecipanti e ai 90 progetti dell’edizione dell’anno scorso. Il proposito di individuare dei progetti in grado di rappresentare un punto di svolta per tutto il settore si ritrova anche nei criteri di valutazione ai quali hanno fatto riferimento i  venticinque giurati dell’edizione di quest’anno: il giudizio sui progetti presentati sono stati basati sulla loro capacità di impattare sulla qualità della vita dei pazienti, sull’efficacia delle attività proprie dei principali attori del mondo della salute e sull’efficienza del sistema sanitario italiano preso nel suo insieme.

Anche quest’anno la Best Digital Company è stata MSD Italia, arrivata alla sua terza affermazione consecutiva, seguita rispettivamente da GSK e Novartis. Tre sono gli ambiti in cui sono state divise le varie categorie oggetto di premiazione: i progetti rivolti ai pazienti; i progetti dedicati a medici, farmacisti e professionisti della salute; infine i progetti destinati alle istituzioni e ai payors. Ciò che è importante sottolineare è che nelle varie categorie i vincitori non sono stati solamente i nomi di Big Pharma, ma fra di essi si annoverano anche delle medio-piccole realtà imprenditoriali molto dinamiche che non fanno che confermare ancora una volta la vivacità del settore per l’innovazione soprattutto in questo ambito, dopo che negli anni precedenti aveva accumulato un drammatico ritardo.


La necessità di trovare nuove strade per raggiungere i pazienti, di comunicare con essi e mettere direttamente a loro disposizione dei servizi che siano in grado di soddisfare tutte quelle attività accessorie (informative, di sollecito, di controllo, di monitoraggio) collegate al bisogno di salute, di offrire supporto ai professionisti della salute e ad enti e istituzioni, ha permesso la nascita e la crescita di un nuovo settore nell’ambito dell’industry farmaceutica. Tuttavia, come già sottolineato nel post La Mobile Health all’Italian Digital Health Summit 2015 di Aboutpharma, le istituzioni e i principali attori della sanità italiana sono attualmente impreparati a raccogliere la sfida lanciata dalle nuove realtà tecnologico-produttive sebbene quest’ultime incontrino sempre più il favore del pubblico.


L’importanza di iniziative come gli Aboutpharma Digital Awards sta proprio nel raccogliere queste esigenze e di rendere noto sia ad un pubblico interessato sia alle istituzioni che per molte di esse sul mercato è già disponibile una soluzione pronta per essere applicata.


Dino Biselli


Fonti principali
Aboutpharma
Value Relations

Ulteriori approfondimenti
Aboutpharma

Rispondi