5innovazioni: Sanofi e le best practice sul Diabete

5innovazioni_sanofi_logo
Il Diabete: una delle patologie più diffuse e a più alto tasso di incremento che esistono al mondo. Il Global Reports on Diabetes pubblicato dalla World Health Organization (WHO) ha stimato che nel 2014 i malati di diabete a livello globale sono stati pari a circa 422 milioni di persone, di cui circa 64 milioni in Europa. In Italia la percentuale di popolazione affetta da diabete è stata del 5,5%, pari a circa 3 milioni di persone.  E le prospettive da qui ai prossimi anni non sono affatto incoraggianti poiché si prevede un forte aumento del numero di malati diabetici e di morti causate da questa patologia, queste ultime pari a circa 1,5 milioni di persone nel 2012 (a cui vanno aggiunte altre 2,2 milioni di morti dovute a patologie riconducibili ad un eccesso di glucosio nel sangue).

Diffusione_diabete_mondo

  Prevalenza_diabete_mondo


L’importanza assunta dal contrasto del diabete, che si prevede diventi la settima causa di morte a livello globale entro il 2030, è testimoniata dal fatto che quest’anno la Giornata Mondiale della Salute del 7 aprile è stata dedicata proprio a questa patologia, ma anche dal sempre maggior numero di iniziative che soggetti pubblici e privati mettono in atto per aumentare la conoscenza della malattia, per favorirne la prevenzione ed per agevolarne la diagnosi e il trattamento.

Fra queste, uno dei progetti più originali ed articolati è 5innovazioni di Sanofi Italia, un contest iniziato nel 2015 il cui scopo è quello di favorire la conoscenza delle migliori pratiche sul diabete

“Un viaggio nell’Italia che innova sul campo della salute, un’Italia che propone nuove soluzioni per gestire al meglio diabete e altre patologie, facendo rete”

L’inziativa ha avuto avvio con la pubblicazione nel 2015 di un bando con il quale Sanofi Italia si propone di premiare la best practice che abbia dato un contributo al miglioramento della gestione del paziente diabetico. La valutazione dei progetti è affidata ad un comitato di esperti, composto da personalità delle istituzioni, del mondo accademico e della sanità italiana. I criteri che il comitato deve seguire per effettuare le proprie valutazioni sono:

  • Il miglioramento della qualità della vita delle persone affette da diabete;
  • La capacità di rispondere ai bisogni non ancora soddisfatti dei pazienti diabetici;
  • L’innovatività e l’originalità;
  • La replicabilità del progetto.
 

Lo scorso 12 novembre si è svolto a Roma l’evento di presentazione dei cinque progetti finalisti scelti fra le 38 proposte che sono state presentate a seguito della pubblicazione del bando. Da inizio 2016 Sanofi si sta impegnando in un tour nelle regioni dove i progetti finalisti sono stati ideati ed implementati per illustrarne le caratteristiche e il grado di innovatività:

  • Campania: il progetto Diabetico Guida ha lo scopo di favorire la conoscenza di come gestire la patologia attraverso l’insegnamento di un paziente esperto rivolto ad altri pazienti;
  • Lombardia: è stato costituito un Team Diabetologico Allargato che grazie alla sua multidisciplinarietà è in grado di poter soddisfare tutti i bisogni clinici e psicologici del paziente diabetico;
  • Umbria: le farmacie che partecipano al progetto Valutazione Rischio Diabete eseguono gratuitamente uno screening per individuare precocemente quali sono le persone a rischio diabete ed indurli a seguire un corretto stile di vita;
  • Puglia: il progetto Stare bene con il diabete a scuola ha come obiettivo la formazione di docenti e  personale scolastico per favorire una migliore gestione dei ragazzi con il diabete. Un parte importante di questo progetto è il cortometraggio intitolato Dolce come il miele con il quale i ragazzi parlano della loro malattia;
  • Sardegna: con il progetto Cereal 14/20 dei ricercatori specializzati in ambiti differenti fra loro hanno eseguito degli studi su un grano di qualità e con basso indice glicemico utilizzato per fare del pane adatto a persone affette da diabete.

Il progetto vincitore verrà premiato nel corso di un evento finale di social health summit, che si terrà nel prossimo mese di maggio, con 20.000 Euro da impiegare nella realizzazione e nel completamento del progetto stesso.

Per concludere, da quanto sopra brevemente descritto appare chiaro come i partecipanti al bando, i membri del comitato e Sanofi Italia si siano impegnati (e si stanno tuttora impegnando) nel far sì che l’occasione rappresentata da 5innovazioni non sia solo una semplice competizione ma soprattutto un’opportunità di confronto e di valutazione di idee e progettualità innovative, coscienti del fatto che il diabete rappresenterà nel prossimo futuro una delle più grandi sfide per la sanità italiana e per la società nel suo insieme.

Dino Biselli


P.S.: Ringrazio la Dottoressa Simona Salvi per avermi segnalato questa iniziativa e per il suo supporto

Fonti Principali
5innovazioni
Sanofi Italia
WHO – Global Report On Diabetes
Rapporto Meridiano Sanità 2015 – The European House Ambrosetti

Rispondi