IBM e il Programma Health Corps

Cooperation and Collaboration

IBM con il Programma Health Corps dimostra come sia possibile impiegare il suo know-how nella gestione di dati e informazioni in progetti relativi ambito sanitario in un’ottica di Corporate Social Responsibility

 

Il lavoro sui dati. Il concetto di Big Data e la complessità che ne deriva dalla loro gestione stanno attraendo su essi un’attenzione sempre crescente tanto che la capacità di giocare con una gran mole di dati, cifre ed informazioni inizia ad essere considerata realmente una competenza strategica. Ecco perché i principali global digital player che offrono consulenza e servizi in tutte o anche solo parte delle fasi dei processi che caratterizzano il data management sono anche fra le aziende più importanti nel panorama economico e finanziario mondiale.

La possibilità che invece comunemente non viene nemmeno percepita è il come rendere disponibile le diverse competenze relative alla gestione e al trattamento dell’informazione per offrire sostegno a cause sociali e filantropiche e quindi come vero e proprio strumento di Corporate Social Responsibility. Uno degli esempi di come tale opportunità sia realizzabile è il Programma Health Corps di IBM.

Attraverso questa iniziativa IBM vuole offrire gratuitamente il proprio know-how nella consulenza scegliendo fra i migliori talenti dell’azienda ed organizzandoli in team interdisciplinari composti da 5-6 esperti ciascuno. Dopo un mese di preparazione specifica essi vengono dislocati per tre settimane presso enti e organizzazioni sanitarie no profit in varie parti del mondo, e arrivati in loco i team progettano strategie il cui scopo è aiutare le comunità locali a migliorare le proprie infrastrutture sanitarie pubbliche. Ed è proprio in quest’ultima attività che i talenti IBM utilizzano le competenze proprie dell’azienda negli ambiti data analytics, cognitive e cloud, sviluppo di app mobili, Internet of Things, consulenza meteorologica e sanitaria.

L’obiettivo è affrontare le disparità nell’accesso alle cure mediche, migliorare i servizi sanitari e ottimizzarne l’impatto.

Fra 100 progetti presentati, per questa prima fase a fine agosto IBM ha deciso di supportarne cinque che presentano le seguenti caratteristiche:

  • Aumentare la disponibilità dei medicinali per trattamenti di chemioterapia nell’area dell’Africa subsahariana promosso da American Cancer Society (ACS);
  • Migliorare il monitoraggio e il controllo del virus Zika promosso dal Gorgas Memorial Institute di Panama;
  • Migliorare il monitoraggio e il controllo della febbre dengue e di altre malattie portate dalla zanzara a Taiwan promosso dal Taiwan Centers for Disease Control (CDC);
  • Aumentare il livello di sensibilizzazione sanitaria nelle comunità degli Stati Uniti sud-orientali, promosso dalla Duke Health Duke Center for Community & Population Health Improvement;
  • Ottenere un maggior accesso a sistemi di radiodiagnostica nei Paesi meno serviti portato avanti da RAD-AID.

Il valore di questa prima edizione del Programma Health Corps è di 2,5 milioni di dollari, cifra che testimonia l’impegno di IBM nel promuovere ed attuare pratiche di Corporate Social Responsibility. Impegno visibile anche qui in Italia grazie alle iniziative di Fondazione IBM Italia e alle sue donazioni di servizi e tecnologie ad associazioni non profit impegnate in ambito healthcare.

 

Dino Biselli

 

Fonti Principali
IBM annuncia i vincitori della prima edizione del Programma Health Corps

Rispondi