Startup innovative e prenotazione delle visite

tecnologia e prenotazioni mediche

La tecnologia e l’innovazione oggi permettono di creare servizi fino a pochi anni fa ritenuti di difficile realizzazione, anche in ambito sanitario. Quello che occorre  soprattutto avere una buona idea, che consenta di apportare dell’utilità anche in aspetti apparentemente semplici. iDoctors, Dottori.it e Visitami sono esempi di startup innovative di questo tipo.

 

In uno dei suoi video giornalieri registrato nel corso dell’ultimo anno Marco Montemagno, uno dei principali protagonisti della comunicazione digitale a livello mondiale, ha sostenuto che viviamo nella migliore epoca possibile dal punto di vista tecnologico da quando è comparsa l’umanità sulla terra. Infatti oggi è possibile creare un servizio (e a volte anche un prodotto) accedendo a degli strumenti che possono permettere la sua ideazione e/o la sua produzione pagando un costo molto basso se non addirittura gratuitamente.

In considerazione di ciò, ad oggi in non pochi casi la maggiore difficoltà per creare un prodotto o servizio non risiede tanto nel dover reperire grosse somme di capitali per poter impiantare un business (i soldi servono sempre, ma per alcune attività il costo iniziale dei cosiddetti “mezzi di produzione” sono stati notevolmente abbattuti) ma nell’avere un’idea (a volte anche banale) che sia tecnicamente possibile, finanziariamente sostenibile e utile agli utenti/consumatori.

In ambito sanitario esistono una marea di opportunità in ambito digitale, nella stragrande maggioranza dei casi ancora inesplorate, per coniugare insieme creatività, innovazione e tecnologia. Non occorre pensare a servizi di altissima complessità, ma anche un solo aspetto che comunque abbia un impatto importante sulla vita del cittadino in questo campo. Escluse tutte le problematiche di salute, uno di questi aspetti può essere il tempo perso nelle attese in pronto soccorso, oppure i minuti e le ore passate in sala di aspetto in attesa di effettuare degli esami diagnostici o delle visite dal medico.

E’ proprio per ovviare a quest’ultimo aspetto che sono nate delle startup innovative che hanno sviluppato dei servizi in grado di permettere la prenotazione on-line delle visite presso i medici (perlopiù privati) infermieri, terapisti e dentisti, consentendo così di ottimizzare la gestione del tempo sia del professionista sia dell’utente/paziente.

Ci sono molte startup innovative che hanno iniziato ad offrire questo tipo di servizio, ma le tre che vorrei segnalare sono iDoctors, Dottori.it e Visitami. Il loro modello di business è abbastanza simile: viene messo a disposizione un motore di ricerca che permette di selezionare, a seconda dei casi, la specializzazione, la prestazione offerta o il nome dello specialista, e di incrociarlo con la città. Avviata la ricerca, compare un elenco di medici (fra tutti quelli iscritti al sito) rispondenti ai criteri inseriti  e, laddove disponibili, come utente è possibile ottenere ulteriori informazioni come ad esempio le disponibilità orarie, l’onorario, le esperienze degli altri pazienti e, naturalmente, l’indirizzo in cui è ubicata la struttura e/o lo studio di visita. L’accessibilità al servizio offerto avviene via PC ma anche via mobile attraverso delle app appositamente sviluppate.

Ma questi servizi hanno un’utilità anche per il medico che decide di iscriversi ad essi, in quanto offrono al professionista la possibilità di gestire in modo semplice e diretto la loro agenda degli appuntamenti 24 ore su 24 sette giorni su sette e in alcuni casi permettono anche di far interagire il servizio offerto con il CRM del professionista.

I numeri di queste tre startup innovative sono molto incoraggianti:

  • iDoctors dichiara di essere collegata a oltre 5.000 medici, un valore potenziale di appuntamenti pari a oltre 400.000 fasce orarie mensili che è possibile fruire in più di 600 Case di Cura e/o Cliniche private, in oltre 1.500 Centri o Studi Polispecialistici e oltre 2.000 studi medici privati;
  • Dottori.it quantifica in 40.000 i medici specialisti verificati e in un milione le visite mensili di pazienti in cerca di medici;
  • Visitami riporta che a partire dal Febbraio 2016 le prenotazioni gestite sono state 6.372, i professionisti registrati al servizio sono 669 e i poliambulatori attivati sono 4.

E le prospettive per il futuro dovrebbero essere ancora più rosee, vista il previsto maggior tasso di informatizzazione della classe medica da qui ai prossimi dieci anni unita ad una sempre maggiore penetrazione dell’utilizzo dei dispositivi mobili da parte della popolazione italiana.

Questi tre esempi rappresentano alla perfezione di come un’idea semplice come concezione, un po’ meno semplice nella realizzazione tecnica e di processo per le competenze professionali che queste ultime richiedono, sia stata resa possibile dall’innovazione tecnologica e dalla diffusione dei dispositivi mobili.

E’ proprio vero: viviamo in un’epoca dove la disponibilità della tecnologia permette di poter mettere in pratica cose fino ad ieri impensabili, anche in ambito sanità. Occorrono solamente buone idee e il coraggio di metterle in pratica.

 

Dino Biselli

 

Fonti Principali
iDoctors
Dottori.it
Visitami

Rispondi