Riabilitazione Motoria e Innovazione: Movendo Technology

Robotic medical device

La riabilitazione è una fase importante per permettere il recupero dell’autonomia fisico-cognitiva del paziente che stato oggetto a patologie o traumi invalidanti. L’innovazione tecnologica sta interessando anche questo settore e in particolare una nicchia come quella dei dispositivi medici robotici. Una startup attiva in quest’ambito, Movendo Technology, dimostra come sia possibile la cooperazione pubblico-privato

 

La World Health Organization (WHO) definisce la riabilitazione con i seguenti termini:

Rehabilitation of people with disabilities is a process aimed at enabling them to reach and maintain their optimal physical, sensory, intellectual, psychological and social functional levels. Rehabilitation provides disabled people with the tools they need to attain independence and self-determination.

La riabilitazione quindi rappresenta una delle fasi più importanti nella gestione di patologie o eventi traumatici che possono causare delle disabilità permanenti o temporanee più o meno gravi a livello motorio o cognitivo. Essa è

storicamente considerata il terzo elemento del percorso sanitario insieme alla prevenzione e alla terapia

e

per sviluppare al meglio le potenzialità di salute della Persona in una presa in carico globale e unitaria, la riabilitazione […] ha mostrato di doversi integrare con le altre due componenti per la valorizzazione dell’attività fisica e motoria, cognitiva e motivazionale, nella tempestività della presa in cura fin dalla fase acuta, nell’integrazione tra le cure finalizzate al recupero dell’autonomia.

La riabilitazione quindi ha un ruolo fondamentale non solo per il benessere della persona, in quanto finalizzata al raggiungimento del maggior recupero possibile di quelle funzionalità presenti nell’individuo prima di un evento patologico o traumatico, ma anche un’importante funzione economica e sociale, poiché in grado di accelerare il rientro nel sistema economico di un individuo e di limitare i costi di socialità persa.

In passato, il favore incontrato dalle innovazioni in ambito riabilitativo che si sono dimostrate utili ed efficaci ha favorito la nascita di un intero settore ad esso dedicato, e come per altri ambiti, lo sviluppo delle nuove tecnologie sta generando un fermento di idee e creatività che si sta traducendo nella nascita di nuove iniziative imprenditoriali, di spin-off aziendali e di creazione di nuove startup.

Forecast to 2020 for robotic medical device market

Una fra le tante iniziative di particolare interesse che rappresenta un buon esempio di collaborazione fra ricerca e industria è Movendo Technology, una startup innovativa impegnata nello sviluppo di medical device altamente tecnologici ed innovativi nell’ambito della robotica riabilitativa.

Movendo Technology è un’iniziativa nata nell’ambito dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova dall’idea dei suoi tre fondatori (Simone Ungaro, Carlo Sanfilippo e Jody Saglia) che si sono avvalsi di un’iniziale collaborazione con l’INAIL. Il progetto ha attirato su di sé molto interesse tanto che Sergio Dompé, Presidente dell’omonima azienda farmaceutica, ha finanziato la startup con un suo investimento iniziale di 10 milioni di Euro.

Il primo prodotto realizzato da Movendo Technology e disponibile a breve sul mercato è un’innovativa piattaforma riabilitativa chiamata Hunova: non entrando troppo nelle specifico nella sua descrizione, la piattaforma offre la possibilità al fisioterapista di essere assistito nel prestare al paziente i trattamenti a caviglia, ginocchio, anca e colonna vertebrale. Il dispositivo si compone di due piattaforme: una piattaforma elettromeccanica sulla quale si sta in posizione eretta e che interessa la zona dei piedi e delle gambe in genere, e un’altra a livello di seduta che interessa anca e tronco. Le due piattaforme regolano l’interazione con il paziente attraverso dei sensori di forza e dei sensori wireless.

L’esecuzione delle attività rese possibili da Hunova sono supportate da un uno schermo installato sulla piattaforma che rendono possibile l’utilizzo di applicazioni grafiche ad integrazione degli esercizi eseguiti dal paziente, molto simili a videogame. Inoltre il dispositivo in grado di raccogliere una mole significativa di dati sulla biomeccanica del paziente consentendone il monitoraggio dei progressi.

Oltre ad Hunova, Movendo Technology sta lavorando su altri progetti innovativi: una protesi di mano robotica e un esoscheletro in grado di aiutare a far camminare persone paralizzate agli arti inferiori. Tuttavia, la creazione di questa startup dimostra che un progetto innovativo valido elaborato in un centro di ricerca pubblico non solo può essere sviluppato in ambiente accademico e divenire una realtà imprenditoriale, ma anche incontrare un tale interesse in ambito privato tanto da indurre il presidente di una delle principale aziende farmaceutiche italiane a credere nel suo successo e a finanziarlo in modo consistente. Movendo Technology è un esempio della tanto auspicata collaborazione fra pubblico e privato che in questo caso sembra funzionare molto bene.

 

Dino Biselli

 

Fonti Principali
Movendo Technology
Corriere della Sera
Economyup
World Health Organization
Quaderno del Ministero della Salute

Rispondi