Il programma “Roche per la Ricerca”

Ricerca Scientifica

Anche per il 2017 Roche ha lanciato l’iniziativa “Roche per la Ricerca”, il programma con il quale la nota multinazionale farmaceutica intende premiare otto progetti di ricerca indipendente con un finanziamento di 100.000 Euro per ognuno di essi. Un importante contributo alla ricerca indipendente e ai giovani ricercatori italiani

 

Come già riportato in vari post di MioPharma Blog, la ricerca scientifica in ambito farmaceutico è oggetto di numerose iniziative promosse dai grandi player dell’industria farmaceutica ad essa dedicata. Alcuni di questi programmi sono ormai una consuetudine consolidata ed hanno già consentito a numerosi ricercatori di poter realizzare i progetti di ricerca da loro intrapresi attraverso i finanziamenti messi a disposizione, riuscendo così, in molti casi, a raggiungere dei risultati importanti a livello scientifico e realizzativo. Altre iniziative, invece, sono di recente istituzione, ma non per questo di minore importanza rispetto alle prime, sia per le risorse che mettono a disposizione sia per le loro aree di intervento.

Fra le iniziative più recenti c’è anche il progetto Roche per la Ricerca, la cui seconda edizione ha avuto avvio nel mese di marzo di quest’anno. Il progetto ha preso avvio dalla volontà da parte dei vertici della sede italiana della nota multinazionale biofarmaceutica svizzera di offrire un importante contributo alla ricerca indipendente

Crediamo fermamente nel valore di una ricerca ambiziosa perché solo perseguendo un concetto ‘dirompente’ di innovazione si può determinare cosa significherà domani salute. Per questa ragione abbiamo deciso di finanziare con un contributo importante la ricerca indipendente nel nostro Paese ed essere a fianco del coraggio dei tanti ricercatori italiani che si impegnano con passione, tenacia e creatività nella ricerca di nuove soluzioni per la salute (Maurizio de Cicco – Presidente e AD di Roche S.p.A.)

A riconferma della bontà della formula utilizzata già lo scorso anno, anche per questa seconda edizione il programma di Roche ha come obiettivo il finanziamento di otto progetti di ricerca indipendente dedicati alla medicina di precisione attraverso l’assegnazione di un contributo di 100.000 Euro per ognuno dei progetti che saranno dichiarati vincitori. Al fine di garantire la massima trasparenza nel corso dell’intera procedura di valutazione, la selezione dei progetti è stata affidata alla Fondazione GIMBE, realtà no profit impegnata nella promozione e nella realizzazione di attività di formazione e ricerca in ambito sanitario presieduta dal Dottor Nino Cartabellotta.

I partecipanti al bando possono essere enti pubblici o privati italiani senza di scopo di lucro (compresi gli IRCCS) e i progetti presentati dovranno fare riferimento a cinque aree tematiche ben descritte nel bando:

  • Area Oncologica;
  • Area Ematologica;
  • Area della Malattie Polmonari;
  • Area Reumatologica;
  • Area delle Neuroscienze.

Tutte le informazioni a riguardo sono state inserite in un portale web appositamente dedicato all’iniziativa e sviluppato da Vidiemme Consulting, che fungerà anche da strumento di raccolta delle candidature. Le tappe previste per la procedura di valutazione sono cinque: una prima fase sarà dedicata alla verifica del rispetto dei requisiti formali e di candidabilità, alla quale seguirà l’identificazione dei revisori e quindi l’assegnazione ad ognuno di questi ultimi dei progetti che sono stati considerati ammissibili; fatto ciò, si procederà con la valutazione dei progetti (ad ogni progetto verrà assegnato un punteggio parziale che varierà da un minimo di 4 fino ad un massimo di 16). Infine, la conclusione del processo avverrà con l’elaborazione della classifica finale per ciascuna area di ricerca oggetto del bando.

Portale Web Roche per la ricerca
Roche per la Ricerca – Vidiemme Consulting

La candidatura dei progetti sul portale Roche per la Ricerca potrà essere effettuata fino al prossimo 30 giugno, mentre data e luogo della premiazione saranno comunicate entro il 15 novembre.

Quanto descritto evidenzia come l’ampio spettro delle specializzazioni coinvolte nell’iniziativa di Roche e la cifra messa a disposizione per ogni progetto premiato configurano Roche per la Ricerca come uno dei programmi più avanzati e remunerativi fra tutte le iniziative che i grandi player dell’industria farmaceutica hanno lanciato in Italia nel corso degli ultimi anni.

Infine, va sottolineato che i vertici di Roche hanno più volte dichiarato che la volontà di organizzare Roche per la Ricerca non è stata solamente ispirata dall’intento di facilitare lo sviluppo della ricerca indipendente ma, come in altri casi simili, anche dalla voglia di offrire un premio all’impegno dei giovani ricercatori italiani nel perseguire i loro obiettivi nell’ambito della ricerca scientifica in anni caratterizzati da una difficile congiuntura economica.

 

Dino Biselli

 

Fonti Principali
Roche per la Ricerca
Quotidiano Sanità

Rispondi